IL MICROCHIP

Perché applicare il microchip ?

Applicazione microchip per animali domestici

Il possessore di un cane deve obbligatoriamente fargli applicare il microchip e registrarlo all’Anagrafe canina della ASL del Comune di residenza entro il secondo mese di vita dell’animale o entro alcuni giorni dall’acquisto o dall’adozione.

 

Il microchip viene applicato dai veterinari dell’ASL o da veterinari privati autorizzati. L’applicazione del microchip non è solo un obbligo di legge (che comporta una multa se non viene rispettato) ma un modo per poter ritrovare il proprio cane se smarrito ed è quindi davvero consigliabile. In caso di ritrovamento di un cane, infatti, i veterinari possono verificare la presenza del microchip con l’apposito lettore e tramite il codice, unico per ogni microchip, risalire al proprietario e restituirgli l’animale.

 

L’applicazione del microchip è obbligatoria anche per i gatti e i furetti nel caso debbano oltrepassare il confine nazionale, insieme alla vaccinazione contro la rabbia e alla compilazione del passaporto.

ALL'ESTERO

Quali sono gli obblighi legali?

Passaporto per animali domestici

Per viaggiare in Europa con i propri cani, gatti e furetti, sono obbligatorie le seguenti procedure:

  • applicazione del microchip;
  • iscrizione all'anagrafe;
  • vaccinazione antirabbica (eseguita da almeno un mese prima della partenza ed effettuata e certificata da un Medico Veterinario);
  • rilascio del passaporto.

Il passaporto, scritto in italiano e in inglese, è uguale in tutta la Comunità Europea. Viene rilasciato esclusivamente per cani, gatti e furetti. Per i viaggi nei Paesi extracomunitari possono esistere norme variabili da Stato a Stato; è quindi consigliabile, prima di partire, di informarsi presso il consolato o l'ambasciata del Paese in cui ci si deve recare, in quanto il solo passaporto europeo potrebbe non essere sufficiente. Particolari disposizioni sono previste per l'ingresso degli animali in Irlanda, Svezia, Gran Bretagna e Malta. In molti paesi, infine, è vietato l'ingresso agli esemplari delle razze canine ritenute pericolose. Il passaporto per cani, gatti e furetti dura tutta la vita dell'animale.

 

Documenti richiesti per il rilascio del passaporto

Certificato d'iscrizione all'anagrafe canina del Comune di residenza che riporta il numero del microchip. Libretto delle vaccinazioni, o altra attestazione rilasciata da un Medico Veterinario, che certifica la vaccinazione antirabbica.

VISITE VETERINARIE ASSISI

Terapie personalizzate per gli amici a quattro zampe

Per motivi organizzativi le visite veterinarie vengono effettuate su appuntamento mentre le visite d’emergenza hanno la precedenza rispetto agli appuntamenti stessi.


Non si forniscono, in nessun caso, consulti telefonici o per e-mail: per qualunque problema è necessaria la visita. 

Solo tramite la visita, ed eventuali esami diagnostici, è possibile eseguire una diagnosi, e quindi impostare una terapia medico-veterinaria corretta.

Cani

Visite veterinarie per cani
  • Portare il libretto vaccinale.
  • Condurre sempre il cane al guinzaglio.
  • I cani aggressivi devono essere muniti di museruola.
  • Se sono richiesti esami del sangue o se deve essere eseguita un’anestesia, il cane deve essere a digiuno da 12 ore lasciandogli l’acqua a disposizione.
  • In caso di disturbi intestinali, portare un campione recente di feci.
  • Portare sempre eventuali referti precedenti.
  • In caso di problemi cutanei, non lavare il cane prima della visita.
  • In caso di prima visita, annotare le marche di alimento che vengono solitamente somministrate.

Gatti

Visite veterinarie per gatti
  • Portare il libretto vaccinale.
  • Per la loro sicurezza i gatti devono rigorosamente essere tenuti all’interno del trasportino.
  • Se sono richiesti esami del sangue o se deve essere eseguita un’anestesia, il gatto deve essere a digiuno da 12 ore lasciandogli l’acqua a disposizione.
  • In caso di disturbi intestinali, portare un campione recente di feci.
  • Portare sempre eventuali referti precedenti.
  • In caso di prima visita, annotare le marche degli alimenti che vengono solitamente somministrate.

Furetti

Visite veterinarie per furetti
  • Portare il libretto vaccinale.
  • Utilizzare trasportini specifici o quelli per gatti. I furetti gradiscono la presenza di un pezzo di stoffa o dell’ amaca che ricordino l’ambiente domestico e che, all’occorrenza, gli consenta di rifugiarsi.
  • Non lasciare acqua all’interno del beverino (se il viaggio è lungo fare una sosta).
  • Portare con sé del cibo abituale.
  • In caso di esami del sangue o anestesia è sufficiente un digiuno di 4-6 ore.

Conigli

Visite veterinarie per conigli
  • Portare il libretto vaccinale.
  • Tasportarli possibilmente con poca lettiera.
  • Usare per il trasporto un trasportino per gatti in plastica con dei giornali sul fondo per evitare lo scivolamento.
  • Togliere i contenitori dell’acqua durante il viaggio.
  • Non effettuare mai il digiuno, anche in caso siano previsti esami o anestesie.

Piccoli roditori

Visite veterinarie per piccoli roditori
  • Cavie, cincillà, criceti, gerbilli, topi, ratti, tamia, altri scoiattoli
  • Utilizzare trasportini o scatole di piccole dimensioni rapportate alla taglia dell’animale.
  • Assicurarsi che la chiusura sia sicura e non permetta la fuga accidentale dell'animale.
  • Togliere l’acqua.
  • I tamia e gli altri scoiattoli se non sono trasferibili nei trasportini, possono essere lasciati nella loro gabbia originale togliendo la maggior parte dei trespoli e degli arredi e i contenitori dell’acqua.

Tartarughe terrestri

Visite veterinarie per tartarughe terrestri
  • In base alla specie ricordare di portare il CITES se in possesso.
  • Una scatola di cartone può essere sufficiente. Ricordarsi il trasporto al caldo (vedi sopra) in inverno.
  • I soggetti di grossa taglia possono essere trasportati in un contenitore di polistirolo, che le isoli dal freddo.
  • Portare, se possibile, un campione di feci recente.

Tartarughe d'acqua dolce

Visite veterinarie per tartarughe d'acqua dolce
  • A seconda della specie ricordare di portare il CITES se in possesso.
  • Porle in un fauna-box di dimensione adeguata con un asciugamano umido sul fondo.
  • E’ sufficiente poca acqua per mantenerle umide.
  • In inverno mantenerle al caldo aggiungendo all’asciugamano umido una bottiglia di plastica con acqua calda.

Altri animali

  • Prima della visita prendere sempre appuntamento telefonico.
  • In caso di emergenze, se possibile telefonate per avvertire che state arrivando.
  • Portare sempre eventuali referti precedenti.
  • Durante la prima visita portare sempre le scatole degli alimenti confezionati, per valutarne l’idoneità.
Share by: